Laura Bottagisio

Laura Bottagisio - Anthurium Rosa

Laura Bottagisio – Anthurium Rosa

Laura Bottagisio

Significativo è nascere in una piccolissima isola di un lago alpino, e lo è ancora di più se il lago è a ridosso di una delle tre cime più alte d’Europa! Il lago è il Lago Maggiore, la montagna è il Monte Rosa e la piccola isola è l’Isola dei Pescatori.  Questi elementi sono tre degli ingredienti che hanno dato forma alle caratteristiche salienti della mia personalità e che hanno contribuito a formare la mia visione della Vita.
Il lago e la catena di  montagne che lo circonda sono stati i miei primi Maestri.  Il movimento continuo dell’acqua e il suo incessante gorgoglio hanno attivato in me il desiderio di un ascolto profondo dei moti dell’anima e di quelle emo-zioni difficilmente contenibili dalla ferrea ragione. Per contro, la regale staticità delle rocce millenarie mi ha insegnato la solidità e la forza primordiale della terra.  Ora come allora ogni piccola onda che increspa la superficie del lago rispecchia quelle montagne così come rispecchia le nuvole in cielo che, mosse dal vento, creano luci e forme sempre cangianti, esattamente come lo sono i nostri pensieri fluttuanti nell’aria.
Da allora ho avuto altri Maestri ma a quelle domande che ognuno di noi fa a se stesso, nessuno ha saputo darmi risposte esaurienti. Chi sono? Perché sono qui?  Anche dopo aver ottenuto la maturità scientifica e un diploma di traduttrice alla Scuola Interpreti di Trieste, quelle domande non smettevano di frullarmi in testa e puntualmente si ripresentavano alla mente.
Con questo spirito a ventisei anni ho intrapreso lo studio dell’Astrologia, accolta da Lisa Morpurgo nella sua scuola dove ho partecipato come relatrice ai congressi da lei organizzati. Ho imparato così a leggere i simboli planetari del linguaggio astrologico inscritti nello Zodiaco, Ruota del Tempo terrestre in cui entriamo al momento del primo respiro, anche grazie a seminari di astrologia abbinata alla psicoanalisi e ai sogni con Roberto Sicuteri, alla medicina con Adriana Cavadini e alla bioanalogia con Jean Philippe Brébion.
Il mio desiderio di conoscere più a fondo la natura umana e le Leggi che la governano, mi ha in seguito condotto da Gigi Capriolo, fondatore dell’Istituto Ricerche Cosmòs di Milano, con cui ho collaborato per diversi anni e dove ho imparato a conoscere i grandi poteri dell’acqua e delle energie guaritrici di Madre Terra. E poi….. l’incontro con Marco Fardin, conosciuto partecipando a un suo seminario sul Calendario Maya Profetico, da cui è scaturita un’amicizia e una collaboratività che ci ha portato qui insieme.
Che dire di più?  Sono ancora in costante divenire poiché nell’universo nulla vi è di statico. Una cosa però ho ben appreso: le risposte sono dentro di noi, ognuno di noi è unico e irripetibile e ogni vita è un’esperienza straordinaria che ha in sé il potenziale per divenire una perfetta manifestazione dell’Uno e Trino, caratteristica fondamentale della Coscienza di Unità. Buona Vita!

Laura

Lascia un commento